ClickCease

PER ORDINARE TELEFONICAMENTE

06 36 30 01 73

DAL MAR. AL SAB. - 9.30 > 13.00 / 15.30 > 19.30 | LUN 15.30 > 19.30

Clicca qui per maggiori informazioni

Duca Royal Club

Condizioni generali del servizio aggiornata al 21 ottobre 2019

Chi ha diritto al servizio?

Il Duca Royal Club è un programma commerciale pensato per incrementare la fidelizzazione del pubblico. I punti di maggior rilievo sono:

1) Estensione di garanzia sul corretto funzionamento dell'usato da 1 a 2 anni.

2) Promessa di "buy back" dell'orologio ad una cifra poco più bassa rispetto a quella pagata dal cliente per averlo.

L'estensione di garanzia da 1 a 2 anni è un vantaggio che interessa tutti gli orologi di secondo polso che vengono venduti dalla Gioielleria Duca S.r.l. e non necessità di spiegazioni ulteriori, quindi, in questo testo, andremo a concentrare l'attenzione sul vantaggio che coglie, solitamente, di più l'interesse del pubblico che sceglie di dare la propria preferenza a Duca dal 1962.

Ovvero quello della "garanzia di buy back".

Quali orologi hanno diritto al servizio?

Tutti gli orologi che all'interno del sito internet di Duca dal 1962 riportano la dicitura "Duca Royal Club completo" sono coperti dalla "promessa di buy back".

La promessa di buy back consiste nel ricomprare un orologio al -5% rispetto alla cifra pagata dal cliente. Nello specifico, e sviluppando alcune simulazioni, in numeri si traduce come segue:


  • Orologio comprato dal cliente a 5.000 €, viene riacquistato da Duca dal 1962 a 4.700 €*
  • Orologio comprato dal cliente a 10.000 €, viene riacquistato da Duca dal 1962 a 9.500 €.
  • Orologio comprato dal cliente a 20.000 €, viene riacquistato da Duca dal 1962 a 19.000 €
  • Orologio comprato dal cliente a 30.000 €, viene riacquistato da Duca dal 1962 a 28.500 €

* va considerato che tutti gli orologi che vengono venduti ad una cifra pari o inferiore a 5.000 € vengono ricomprati ad una cifra di 300 € inferiore. Quindi se il cliente acquista un orologio coperto dal Duca Royal Club completo a 3.000 € quest'ultimo sarà riacquistato a 2.700 €.

Quali sono le condizioni che rendono inapplicabile il Duca Royal Club?

La garanzia di "buy back" può non essere applicata qualora:

  • Il prezzo al pubblico dell'orologio acquistato dal cliente ha avuto una variazione superiore al 12,5% rispetto alla cifra originariamente pagata. Ad esempio l'orologio è stato comprato a 10.000 € e dopo un anno il suo prezzo al pubblico è diventato di 8.500 €. In tal caso l'azienda sarà libera di rinegoziare, ovviamente lo stesso principio si applica anche qualora il prezzo avesse avuto un incremento superiore al 12,50%, in tal caso il cliente riceverà un'offerta superiore alla rivalutazione e non sarà applicato il buy back. Farà fede il prezzo al pubblico presente su Chrono24 nelle prime tre posizioni in offerta e di orologi a parità di condizioni, anno e corredo.

  • L'orologio viene riproposto alla Gioielleria Duca S.r.l. trascorsi 2 anni dal momento dell'acquisto. La durata della promessa di buy back è di 2 anni, per conseguenza qualora il cliente facesse passare più tempo Duca dal 1962 sarà libero di rinegoziare il prezzo di acquisto.

  • Ci fossero dei danni che non possono essere risolti con una semplice lucidatura. Ad esempio un'ammaccatura, un graffio sul vetro. In tal caso alla cifra promessa per il riacquisto sarà scalato il costo vivo di ripristino del bene.

  • Quando la garanzia rilasciata dalla Gioielleria Duca S.r.l. al momento della vendita NON è stata scritto a penna (o timbrato) DRC+.

  • E' importante considerare che, nel caso di permuta, la promessa di riacquisto sarà considerata piena solo nel caso in cui il cliente scelga il proprio orologio da uno tra i siti internet ufficiali e di proprietà diretta dell'azienda. Qualora effettuasse richieste tramite portali o altri intermediari il valore del proprio orologio scenderà di un'ulteriore 5%.
    Nell’adesione al servizio i clienti aderiscono alla devoluzione di ogni lite ad un Collegio arbitrale, le parti nomineranno un arbitro ciascuno e gli arbitri nomineranno il Presidente, in caso di disaccordo provvederà il Presidente del Consiglio dell’Ordine degli avvocati Roma a nominarlo.